Teoria della Mente, cosa pensano gli altri?

Tutti noi abbiamo una “Teoria della Mente”. Che cos’è?

Definizione

Prima di tutto dobbiamo affrontare il concetto di stato mentale, che potrebbe essere definito come la rappresentazione della realtà o di un frammento di realtà che abbiamo in un determinato momento. In questo termine rientrato tutte le nostre credenze, desideri, intenzioni ed emozioni.
A questo punto è possibile definire la Teoria della mente.

In altre parole, sarebbe l’abilità di comprendere che l’altro è diverso da me e, in quanto tale, realizzare che può avere opinioni ed emozioni differenti dalle mie.

Sviluppo

Questa capacità non è innata, ma i bambini la apprendono a mano a mano che fanno esperienza: più staranno a contatto con l’altro, più saranno capaci di comprenderne la diversità.

Solo a 3 anni i bambini riescono a comprendere che, sebbene abbia le apparenze di una rosa, questa sia una spugna.

Prima ancora di imparare a parlare, i bambini tendono a riconoscere le intenzioni altrui, solo a due anni di vita comprendono che le persone possono desiderare cose diverse, mentre a tre anni comprendono che ci può essere una differenza tra apparenza e realtà.

La Falsa Credenza

All’età di 4 anni, i bambini sviluppano una delle abilità più studiate: la Falsa credenza. Consiste nel concepire che le altre persone possono avere delle credenze che non sono veritiere, e che agiranno secondo le proprie convinzioni.
Questa capacità sarebbe la prima evidenza della consapevolezza della distinzione tra la mente e il mondo e della capacità di meta-rappresentazione del bambino.

Esempio di Smarties Task

Per verificare se un bambino è in possesso di questa abilità ci sono dei test molto veloci da somministrare, uno di questi è la Smarties Task. Inizialmente si dà al bambino una scatola di Smarties e gli si chiede cosa pensa ci sia all’interno, successivamente gli viene mostrato che questa contiene in realtà delle matite. Infine, gli si chiede cosa un altro bambino penserebbe che ci sia dentro la scatola (per verificare la falsa credenza) e cosa c’è realmente all’interno (per verificare se ha compreso i dettagli).

Importanza

Perché è così importante avere una buona Teoria della Mente? 
È uno strumento che ci permettere di comprendere il mondo sociale: riusciamo a capire che non tutto è come sembra, che gli altri agiscono secondo degli scopi, che sono diversi da noi e sanno cose diverse da quelle che noi sappiamo! Pensate ai bambini che giocano a nascondino: per nascondersi si deve avere la consapevolezza che l’altro non sa dove ti sei posizionato. Ancora più fondamentale, la Teoria della Mente serve per condividere qualsiasi cosa, dai pensieri alle attività. I disordini sociali tipici dell’autismo sono da imputarsi a un deficit della Teoria della mente.

Bibliografia

Flavell, J. H., Flavell, E. R., & Green, F. L. (1987). Young children’s knowledge about the apparent-real and pretend-real distinctions. Developmental Psychology23(6), 816.

Henry M. Wellman (2018): Theory of mind: The state of the art, European
Journal of Developmental Psychology.

Perner, J., Leekam, S. R., & Wimmer, H. (1987). Three‐year‐olds’ difficulty with false belief: The case for a conceptual deficit. British journal of developmental psychology5(2), 125-137.

Repacholi, B. M., & Gopnik, A. (1997). Early reasoning about desires: evidence from 14-and 18-month-olds. Developmental psychology33(1), 12.

Wellman, H. M., Cross, D., & Watson, J. (2001). Meta‐analysis of theory‐of‐mind development: The truth about false belief. Child development72(3), 655-684.

Pubblicato da Igor Cantele

Laureato in Scienze e tecniche psicologiche presso l'Università di Pavia, ora frequento Psychology, Neuroscience and Human Sciences: un corso dove psicologia, neuroscienze e scienze sociali si incontrano. Mi piace la programmazione e mi sto avvicinando al mondo del Neural modelling.